Arte & Liturgia


 
 
MAGNIFICAT
 
 
Macha Chmakoff
 
«L’anima mia magnifica il Signore » 
 
Macha Chmakoff è una donna e un’artista contemporanea; psicologa e psicanalista esercita in parti uguali i suoi due mestieri. Essa ha compiuto degli studi teologici all’Istituto cattolico di Parigi e i suoi temi sono per la maggior parte delle illustrazioni di tematiche bibliche. Realizza la sua pittura non con il pennello ma con il coltello, a partire da pigmenti che prepara lei stessa e aspira ad evocare la voce silenziosa degli oggetti e dei personaggi tentando di tradurre il messaggio al di là delle apparenze. La sua opera è pertanto concentrata sull’essenziale della raffigurazione.
In questo quadro essa intende farci percepire l’esplosione di gioia nel cuore di Maria, la sua lode senza fine verso Dio che ha compiuto in lei delle meraviglie. Macha ci invita a scoprire questo sentimento di ringraziamento che è possibile anche in noi e a farlo trasparire esteriormente. Lei preferisce far parlare le sue opere senza suggerire molte parole di commento, ma di fronte a questa tela ne possiamo aggiungere noi una tutta “nostra”: “Vivete sempre nella pace e nella dolcezza interiore e lasciatela trasparire…” (Padre Médaille)
Lasciamoci dunque trasportare dallo slancio di questa figura dai blu intensi e dalle gradazioni cangianti verso il giallo, luce divina che evoca la presenza del divino.
“La pittura, nella misura in cui resiste alla tentazione dell’aneddotica e dello spettacolare può accompagnare lo spettatore al di là della superficie della tela e metterci in contatto con l’intimità del mistero, come se la tela assorbisse nella sua superficie colorata la nostra esteriorità per permetterci di collocarci nel punto cieco di noi stessi, là dove non sempre guardiamo, e dove una particella del divino è irrimediabilmente presente”  (M. Chmakoff).