Arte & Liturgia


 
ADORAZIONE DEI PASTORI
 
Abraham BLOEMAERT  (1600)
 
La notte è buia come l’inchiostro e i pastori dormono sdraiati a terra in mezzo alle loro pecore. Ma ecco che il cielo si apre e delle nuvole bianche si infilano come un cono bianco nel fondo nero, mentre gli angeli leggono un grandioso annuncio.
Sono gli angeli della regione di Betlemme che recano l’annuncio della nascita di Gesù.
La composizione oppone due triangoli, che si toccano attraverso la punta; il triangolo del cielo aperto dal quale sorgono i puffi celesti e l’angelo, quasi  femminile, che srotola il suo messaggio; la sua mano destra si allunga verso un pastore indicandolo in modo discreto. La testa di questo giovane pastore dal cappello rosso è la punta del triangolo umano composto dai quattro uomini che si voltano e si sollevano per ascoltare gi angeli. In quanto al pastore che si trova in piedi perché vigilante il gregge, la sua statura equilibra il versante sinistro del triangolo divino.
Il movimento di tutti i personaggi ci fa capire che il rumore che sentono è notevole, capace di svegliarli e di suscitare più curiosità che paura. L’angelo è vestito di verde, colore che richiama la vita che si rinnova, colore della speranza. La risposta a questo invito è nel colore rosso degli abiti dei pastori, colore dell’amore, e dal giallo che è il colore della luce divina. I cieli si aprono e la vita di Dio si spande attraverso la testimonianza offerta da questi uomini che diventeranno annunciatori di speranza. Tutto è movimento, ma anche armonia, tutto  sonoro ma anche musicale.