Liturgia


 
 
SE AVESSI UNA FEDE
 
Signore se avessi una fede sufficiente
per lasciarmi condurre da te,
tu faresti di me un artigiano di pace
che accetta di correre il rischio
di avvicinare le persone
per dare loro il gusto dell’accoglienza senza riserva.
 
Signore, se avessi una fede sufficiente
per abbandonarmi nelle tue braccia
come il giglio del campo, come gli uccelli del cielo,
vivrei il presente in modo intenso
certo che tu provvederesti alle mie necessità.
 
Signore, se avessi una fede sufficiente
per aprire le orecchie alla tua voce
ti sentirei dire:
“Tu sei il mio figlio beneamato”.
 
Allora, con cuore leggero
correrei ad annunciare la buona novella.