Arte & Liturgia


 
LA FAMIGLIA DI NAZARETH
 
Ivan Rupnik
 
L’icona della Santa Famiglia di Nazaret è formata da un mosaico particolare di pietre di varie specie tagliate in dimensioni differenti secondo una tecnica personale che l’autore, padre Marko Ivan Rupnik, ha sviluppato in opere di grandi dimensione. L’arte delle icone è una forma espressiva particolare che dipende dalla teologia. Attraverso le forme e i colori, ma soprattutto la luce, nell’icona si rende presente nel tempo e nello spazio il mistero di Dio e dei suoi santi. L’icona fa parte dei cosiddetti sacramentali così come l’acqua, l’olio, la croce, il vangelo.
Nell’icona la luce è protagonista  e si diffonde  all’interno dell’ogiva in cui sono presenti due realtà, una orizzontale e l’altra verticale: la famiglia umana con Giuseppe e Maria, la famiglia divina con la mano del Padre e la fiamma dello Spirito Santo. Punto focale di incrocio di questi due movimenti è l’immagine di Gesù. Nella famiglia di Nazaret il Verbo di Dio che procede dalla mano del Padre si incarna in Maria. La Madre, lo presenta a noi e Gesù, come denota il movimento impresso dai suoi passi, ci viene incontro. Accanto a lei Giuseppe, che con la mano sul petto sembra imitare l’atteggiamento di Maria: conservare tutte queste cose nel suo cuore. Questa coppia santa è investita dall’alto dalla potenza dello Spirito Santo. E’ infatti attraverso la Sua luce che si rivela la verità e l’amore di Dio secondo quanto scrive san Giovanni nel capitolo primo del suo vangelo: “La luce è venuta nel mondo, e le tenebre non l’hanno accolta. A chi l’ha accolta ha dato il potere di diventare figli di Dio”. Così la famiglia si rivela, alla luce della fede, il luogo in cui si promuove la persona umana, ogni persona, ogni figlio che viene in questo mondo. Immersi nella luce divina queste tre persone, Giuseppe Maria e Gesù formano davvero una piccola “trinità umana” che in Cristo Figlio di Dio incrocia e interseca il mistero stesso della Santa Trinità.