Arte & Liturgia


 
LEGGIAMO INSIEME LA PAROLA DI DIO?
 
Henry Tanner (1910)
 
La scena è semplice: un ragazzo accanto ad una donna seduta. Le loro teste si toccano ed essa lo cinge ai fianchi. Lei porta un velo leggermente tirato indietro, lui un abito lungo fino ai piedi e un piccolo turbante. Siamo in un contesto orientale. Il figlio e sua madre sono di fronte ad una pergamena, un rotolo stretto che lei regge e che lui legge. La madre sembra seguire la lettura accompagnandola da un suo commento, come suggerito dal passo di  Deuteronomio 6,7 : “Questi insegnamenti li ripeterai ai tuoi figli, ne parlerai quando sarai seduto in casa tua, quando camminerai per via, quando ti coricherai e quando ti alzerai”. Maria legge la Scrittura con suo Figlio. La scena è realistica, e i blu utilizzati dal pittore Henry Tanner (1910), colori del cielo, sono quelli che ci rimandano alla vita spirituale di Maria. Il pittore ci rivela che l’intelligenza delle Scritture posseduta da Gesù gli veniva da una lunga pratica incominciata a Nazareth con sua Madre, e che diventerà manifesta il giorno in cui entrerà nella sinagoga per commentare il passo del profeta Isaia. Il suo discorso programmatico.
Sul quadro la luce divina inonda Gesù e il passo della Scrittura che sta leggendo;  il rotolo, esageratamente srotolato prende una forma geometrica che rinvia al triangolo divino. Un’opera realizzata da un pittore protestante che mette in risalto l’importanza della Parola di Dio e ci invita ad una frequentazione personale e allo stesso tempo familiare della Scrittura.