Dentro la notizia...


 
LA GINESTRA, SENTINELLA DELLA FIDUCIA
 
 
 
 
 
 
 
Mentre tutto è finito, lei appare. Mentre la sconfitta appare evidente, lei ricomincia. La ginestra è la sentinella della fiducia. E’ lei che dopo  un incendio, una devastazione, dà al bosco un nuovo inizio. Per questo la piantina di ginestra è simbolo della fiducia, è sentinella della Risurrezione. Questa pianta è umile, eppure così caparbia e coraggiosa. Una pianta che dice a tutti noi, in ogni momento: “Guarda, si può sempre ricominciare”, perché riesce a sfidare ogni avversità.
Dopo il passaggio di un incendio, uno smottamento, dopo un tragico evento come un feroce disboscamento oppure un’eruzione vulcanica, il bosco aspetta la ginestra per ripopolare il terreno. Prima di tutti va avanti lei in avanscoperta, fiduciosa nella vita. Non troverete mai in un terreno desertico la crescita spontanea di nuovi alberi se non anticipata dalla formazione del sottobosco. E fra tutte le piante del sottobosco, la prima è lei. E’ una visione romantica pensare che mentre tutto intorno è nero e vuoto, la ginestra con forza e fiducia illumina con i suoi fiori gialli. Quindi non solo si muove e va avanti, ma dona luce.
Se ci pensiamo bene, nell’attimo esatto in cui ci “affidiamo”, ci tranquillizziamo perché sollevati dai pesi e ci schiariamo tanto che trasmettiamo agli altri la nostra serenità, la nostra luce. E neanche a farlo apposta, la ginestra oltre che depurare l’organismo, può essere utilizzata come sedativo e per regolare l’azione del cuore perché normalizza la frequenza cardiaca. Non solo. L’atto di fiducia avviene quando ci troviamo in un terreno arido e roccioso, quando tutto intorno è nero.
Come ci mostra Giacomo Leopardi nella sua lirica dove ci fa volgere uno sguardo fiducioso verso l’avvenire quando descrive il paesaggio desolato dalla nera lava, quello del Vesuvio, rallegrato solamente dall’”odorata ginestra, contenta dei deserti”. In realtà la ginestra, essendo una pianta che sviluppa le sue radici in profondità, sopravvive ad ogni intemperia. Infatti l’habitat tipo di questa pianta è quasi impensabile per la quasi totalità delle altre specie floreali avendo una spiccata resistenza e capacità di adattamento in luoghi aridi. Ed è proprio per questo suo apparato radicale molto sviluppato che viene utilizzata per consolidare terreni difficili, scarpate e bordi di strade.
Rimane comunque bello pensare ai suoi fiori gialli, frutto di quella fiducia che viene ricompensata.